“E’ meraviglioso sapere che appartieni a qualcuno (4a di Pasqua – Anno B)

44° DOMENICA DI PASQUA (B)

Dal Vangelo secondo Giovanni (10,11-18)

In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

E’ MERAVIGLIOSO SAPERE CHE APPARTIENI A QUALCUNO. Una pagina bellissima e particolare, che porta tante suggestioni, difficile da capire per noi abitanti della città. Forse solo chi ha la fortuna di abitare in qualche luogo di montagna, di vedere al mattino presto con quanta premura i pastori, con il freddo che punge d’inverno, e con il caldo che crepa d’estate, i pastori escono per guidare, curare ed accudire le proprie pecore. Non è solo un lavoro, come l’agricoltore, occorre amore, passione, occorre sentire quelle pecore parte di se, “proprietà privata”, capaci di dare al vita, sfidare le notti al gelo, sfidare animali e predatori. Cosi fa Dio con noi, noi siamo “sua proprietà privata”, siamo soggetti del Suo Amore folle. Oggi ci sono tanti mercenari che vorrebbero farci da pastori, ma con l’intendo di “prendere” da noi, più che di donare. Chi oggi è disposto a dare la vita per noi? Molti ammaliatori oggi, tv, talk show, dirigenti commerciali, cantanti, case di moda, politici, ideologie. . . spesso amici ed amori, vogliono solo “rubare” da noi attenzione, per rubare pezzi di noi stessi. Dio ci accoglie, con tenerezza, ai margini di tutto ciò per saziare quell’insoddisfazione in cui gli altri ci lasciano. Noi siamo le sue pecore amate.

La pecora è un animale tenero e indifeso, che ha bisogno di cure, amore e protezione. Dio sa bene che, per quanto siamo spavaldi, per quanto siamo pigri o per superbi, vogliamo vivere facendo a meno di Lui, della preghiera, del Vangelo come luce alle nostre scelte e alla nostra vita, in fondo tutti sappiamo che siamo limitati, abbiamo bisogno di una mano calda e forte che ci regge. Allora la cerchiamo nelle varie relazioni. Ma cosa capita? Ci pensiamo? In fondo se riflettiamo attentamente ci rendiamo conto che nessuna delle relazioni che abbiamo intorno davvero ci soddisfa a pieno da farci sentire totalmente al sicuro, sereni, amati al massimo e certi di poter vivere per sempre sereni. Fosse il genitore ideale, il ragazzo o la ragazza ideale, l’amico/a ideale, nessuno ci soddisferà mai a pieno. Perché? Perché siamo impastati di Dio, siamo fatti della sua stessa sostanza, e solo in, e con, Lui possiamo riprendere il nostro tono originale.

Leggi i tuoi bisogni interiori. Leggiti. Forse non percepisci che ti manca qualcosa a cui forse da tempo non riesci a dare un nome. Dove cercare? A chi chiedere aiuto?. Fermati e prendi silenzio. E se fosse la Sua mano che ti sta reggendo? È li che ti tiene in bilico, tra il buio della tua confusione e la consapevolezza che una strada è possibile, ha un nome, un volto, una storia. È Gesù, è li, la mano che ti sta reggendo. No, non vuole che altri ti rapiscano. È geloso di te, è un Dio geloso perché pazzamente innamorato. Allora che fare? Cosa aspettare? Chi aspettare per fidarci noi totalmente di questo pastore bello, forte, amante? Perché continuare a svenderci in giro. Da Lui possiamo recuperare una gioia, una forza, un amore con cui leggere ogni altro evento o relazione, positiva o negativa che sia. In Dio tutto trova senso, in Lui tutto si rilegge, in Lui tutto si tramuta. BUONA DOMENICA!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...