“Settimana Santa: una Settimana frenetica per trovare pace” (Domenica delle Palme/C)

E’ una settimana intensa. Molte volte diciamo tutti che vorremmo scappare in qualche luogo silenzioso per qualche giorno di ritiro. Questa settimana è l’occasione per farlo da casa, vivere grandi riflessioni partecipando ai momenti intensi che la Chiesa vive nel giovedì, venerdì e sabato santo.

 

 

Dalla passione secondo Luca

[…]E nacque tra loro anche una discussione: chi di loro fosse da considerare più grande. Egli disse: «I re delle nazioni le governano, e coloro che hanno potere su di esse sono chiamati benefattori. Voi però non fate così; ma chi tra voi è più grande diventi come il più giovane, e chi governa come colui che serve. Infatti chi è più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve. Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove e io preparo per voi un regno, come il Padre mio l’ha preparato per me, perché mangiate e beviate alla mia mensa nel mio regno. E siederete in trono a giudicare le dodici tribù di Israele. Simone, Simone, ecco: Satana vi ha cercati per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, perché la tua fede non venga meno. […

UNA SETTIMANA FRENETICA … PER TROVARE PACE

Oggi ci troviamo dinanzi al vangelo più lungo di tutte le domeniche dell’anno. Viene letta la passione di Gesù per intera, quest’anno secondo Luca. E’ un vero e proprio poema, che narra in pienezza della potenza, della serietà della storia di amore di Dio con ciascuno di noi. Ne prendiamo un piccolo pezzo, che suona come un piccolo sms, come i nostri , che racchiudono a piccoli pezzi i tratti di storie favolose difficili a capire e spiegarsi, ma che i due innamorati sanno sintetizzare in un semplice “ ti amo” per sms. Questo frammento nasce da un litigio che gli apostoli fanno anche in quel momento. Gli apostoli., i santi per eccellenza, non sono diversi da noi, sono li come noi restii a capire non solo il messaggio di Gesù, ma anche a non percepire la serietà del momento. E’ la nostra difficoltà prima, non percepire la serietà e i momenti di amore, lasciarli sfuggire, i momenti in cui possiamo imparare e crescere. Rimandiamo continuamente gli impegni e le responsabilità di amore e passione verso gli altri, per difendere qualche recinto di comodità presente e forse apparente. Gesù prende in mano la situazione e anche al momento fa sintesi, più che mai, fa sintesi sulla loro vita e sulla nostra. È questo il suo compito, fare sintesi della nostra vita. Come? Con la sua vita, con il dono di tutto se stesso a noi. La sintesi che Gesù fa è una lezione di umiltà. Per tradizione tutti sappiamo che oggi ricordiamo Gesù che entra in Gerusalemme cavalcando un asino, si presenta come re povero, ricco di amore solo, e ci si consegna oggi la palma segno di pace e riconciliazione. Ma non ci può esser pace se non c’è consapevolezza di esser tutti figli di questo Padre, fragili, limitati, bisognosi di Lui e degli altri. Nessuno può sentirsi superiore, è un primo passo senza cui è irraggiungibile la pace. Il vero amore, ci insegna Gesù in questa settimana, è capace di dar spazio all’altro, servire l’altro, capire di cosa ha bisogno. E’ una settimana intensa. Molte volte diciamo tutti che vorremmo scappare in qualche luogo silenzioso per qualche giorno di ritiro. Questa settimana è l’occasione per farlo da casa, vivere grandi riflessioni partecipando ai momenti intensi che la Chiesa vive nel giovedì, venerdì e sabato santo. Sono tre momenti della vita umana di Gesù, che come Dio illuminano la nostra vita umana, noi viviamo in un continuo passaggio nella vita tra Venerdì, sabato e domenica nei vari atteggiamenti. Il rischio da chi è lontano alla Chiesa, alla parrocchia, è vederla solo come un insiemi di riti belli da vedere ma che non incidono nella vita. Il rischio di chi è bene inserito è farsi prendere dai preparativi per le celebrazione e rendere il tutto come una coreografia da ben realizzare.

GIOVEDI SANTO: Il giorno del tradimento. Gesù lava i piedi, si consegna nell’eucaristia, è il giorno più alto del suo amore, e proprio in quel giorno viene tradito. C’è tutta un umanità, un modo di affrontare di Gesù. È il momento in cui ritrovare e consegnare tutte le nostre fatiche di amore e le ferite dei nostri tradimenti.

VENERDI SANTO: La chiesa non celebra nulla, ascolta solo la Parola di Dio, legge la passione, e guarda alla croce. Solo la Parola di Dio può spiegare e consolare quel dolore. E’ il giorno dell’amore per eccellenza, tutte le feste umane di amore e amicizia possono trovare qui fonte. E’ il giorno che meglio riassume i momenti della nostra vita quando dopo il tradimento, dopo l’amore dato e non ricevuto, restiamo soli con le nostre domande e solo la Sua Parola può aiutarci. Soli noi, le nostri croci e Lui.

SABATO SANTO: E’ il giorno del silenzio, ricordiamo il silenzio di Dio nel sepolcro, Cristo chiuso dalla pietra rotolata davanti a Lui. Con una pietra si voleva bloccare la potenza di Dio. Non era un Cristo inerme, ma era il silenzio dell’amore, della sofferenza che ama, il silenzio di un cuore che ama e lasci liberi gli uomini. E’ il giorno in cui portiamo i nostri momenti di buio totale, quelli dove nemmeno le domande ci sono più, dove non vogliamo consolazione. Dove sembra che siamo chiusi in un sepolcro, e spesso già puzziamo di morte e sconfitta perché vogliamo che sia cosi.

NOTTE DI PASQUA: E’ il giorno in cui succede il duello tra il bene e il male, il giorno in cui la fiducia e l ‘abbandono di amore in Dio riceve risposta. La morte, la croce, la pietra non potevano avere l’ultima parola. Tutto viene frantumato. Nelle chiese una luce entrerà nel buio della notte, il cero pasquale, simbolo di un Dio che ama, entra silenzioso in te per farti risorgere con la sua Parola. Nulla può avere l’ultima parola sulla nostra vita , solo Lui che è amore, e l’amore e vita che continua e vale sempre.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...