#23agosto “IL NOSTRO CUORE COME UN VETRO SPORCO VEDE OFFUSCATO”-Mt 23,23-26-(Martedì 21ma T. O.)

Il nostro cuore è così,come un vetro sporco, che vede spesse volte appannato ed in base alle macchie che ha. Le nostre fragilità, paure, ci fanno vedere le cose traviate, non nella loro bellezza. Non ci fanno godere le persone nella loro bellezza perché le sporchiamo con idee, giudizi, pregiudizi e pretese. Lo sguardo dell’Amore e della Tenerezza ci aiuta a pulire tutto, vedere con semplicità e stupore. Se non ammettiamo le nostre fragilità e povertà punteremo sempre il dito sull’esterno che sarà sporco, senza pensare che è da noi il principio. Spesso anche i più credenti, carichi di esperienze e parole, vedono le cose sporche, perché non ammettono le proprie colpe e fragilità. Solo in questa verità possiamo amare gli altri accogliendo con tenerezza


Mt 23, 23-26  
Dal Vangelo secondo Matteo  
   
In quel tempo, Gesù parlò dicendo:  
«Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima sulla menta, sull’anéto e sul cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della Legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Queste invece erano le cose da fare, senza tralasciare quelle. Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!  
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma all’interno sono pieni di avidità e d’intemperanza. Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi pulito!».  

RIFLESSIONE 

Fuori può esserci anche il sole più bello ma se i vetri della nostra camera sono sporchi non ci accorgeremo mai della bellezza. Forse saremo convinti che l’esterno è scuro, senza pensare che dipenda da noi. Il nostro cuore è così,come un vetro sporco, che vede spesse volte appannato ed in base alle macchie che ha. Le nostre fragilità, paure, ci fanno vedere le cose traviate, non nella loro bellezza. Non ci fanno godere le persone nella loro bellezza perché le sporchiamo con idee, giudizi, pregiudizi e pretese. Lo sguardo dell’Amore e della Tenerezza ci aiuta a pulire tutto, vedere con semplicità e stupore. Se non ammettiamo le nostre fragilità e povertà punteremo sempre il dito sull’esterno che sarà sporco, senza pensare che è da noi il principio. Spesso anche i più credenti, carichi di esperienze e parole, vedono le cose sporche, perché non ammettono le proprie colpe e fragilità. Solo in questa verità possiamo amare gli altri accogliendo con tenerezza. Altrimenti come diceva De André nel Testamento di Tito: “Sanno a memoria il diritto divino ma scordano sempre il perdono” 

Massimiliano Arena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...