#18gennaio – “LIBERARE DALLE PARALISI DEI RITUALISMI”(Mercoledì 2a del Tempo Ordinario) 

Dal Vangelo secondo Marco 3,1-6

In quel tempo, Gesù entrò di nuovo nella sinagoga. Vi era lì un uomo che aveva una mano paralizzata, e stavano a vedere se lo guariva in giorno di sabato, per accusarlo.
Egli disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati, vieni qui in mezzo!». Poi domandò loro: «È lecito in giorno di sabato fare del bene o fare del male, salvare una vita o ucciderla?». Ma essi tacevano. E guardandoli tutt’intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse all’uomo: «Tendi la mano!». Egli la tese e la sua mano fu guarita.
E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire.

RIFLESSIONE 

Quando si vivono gli schemi senza amore, quando ritualita’ e religiosita’ sono più importanti dell’uomo e dell’amore, allora si vivono paralisi. L’uomo dalla mano paralizzata é un uomo dalla vita bloccata, un uomo emarginato. Gesù sfida la ritualita’ e religiosita’ per mettere al centro l’Amore. Guarisce l’uomo e gli dice “vieni in mezzo”, gli ridona il gusto dell’amore e della fraternita. Due aspetti vengono per noi: 1) nessuna ritualita’ o persona possono farci sentire fuori per i nostri peccati e fragilità 2) Noi dobbiamo sempre donare la tenerezza e la fraternita’ per evitare le paralisi ai fratelli. 

di Massimiliano Arena 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...