#20Dicembre2018 “DUE LIBERTÀ INNAMORATE CHE SI INTRECCIANO” (#NovenaDiNatale #Avvento)

Dio e Maria sono due libertà che si incontrano. Maria rappresenta noi uomini. Due libertà perché Dio mai si impone ma si propone. Dio non impone a Maria di far nascere Gesù, gli chiede il consenso.

Maria ha paura, é solo una ragazzina e questo gli sta per complicare la vita. Tra le vicende della nostra vita Dio ci chiede il consenso, vuole la nostra libertà e la nostra intelligenza per fecondarci. Sia nei momenti di luce che di buio della vita Dio non può entrare senza consenso.

In quei momenti che ci sembrano più incasinati e senza senso, più fragili e vuoti, più disorientati… Dio ci sta chiedendo il consenso per entrare e fecondarci… Far generare in noi novità. Dicevano di Gesù che nulla di buono poteva nascere da Nazareth. Dal consenso di Maria é nato il buono.

Questo è #natale :un Dio che è immenso ma che chiede il permesso all’uomo . Questa è #speranza: sapere che se accetto la mia umanità si riempie di immensità. (Massimiliano Arena)

Ecco il testo del Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,26-38.

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret,
a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.
Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te».
A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto.
L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio.
Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.
Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre
e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo».
Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio.
Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile:
nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto».
E l’angelo partì da lei.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...