#9Agosto2020 “CRISTO APRE ALLA NOVITA’ IN MEZZO ALLA TEMPESTA” -Commento al Vangelo della 19ma del T. Ordinario A

Ecco la riflessione video approfondita

Onde e vento travolgono la barca. Siamo noi, è la vita personale di ciascuno di noi, la vita della Comunità, della Chiesa.

La barca della nostra vita cerca il mare giusto dove navigare, prendere il largo, visitare cose nuove, pescare con abbandonza.

La barca della Chiesa deve navigare con forza ora, riscoprendosi in molti punti sgangherata e piena di nuovi passeggeri con situazioni e bisogni diverse.

Arrivano le onde che ci sballotano non facendoci capire se ciò che facciamo è giusto, va bene, porta frutto.

Arriva il vento contrario che ci blocca e fa sembrare inutile la navigazione.

Noi gridiamo a te “Vieni Signore facci scoprire che la barca che siamo è bella, nonostante le due crepe, il suo essere piccola, può ancora navigare. Vieni perché le onde della confusione delle mille cose e preoccupazioni non ci facciamo sentire sempre più inadeguati. Vieni perché il vento contrario non faccia sembrare ogni nostro sforzo inutile. Vieni ed aiutaci a scoprire che è possibile camminare sopra la tempesta, se ci fidiamo di Te, aperti alla novità, al cambiamento. Vieni facci sentire che sei vero, facci domandare come renderti vero nella vita per sfuggire alla tentazione di vederti come fantasma perché è lì che crolliamo, quando non sei concreto in noi”

Ecco il testo del Vangelo

Mt 14,22-33 Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».
Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...