#18Dicembre2020 “OLTRE LE FISIME E LE PAURE TROVI LA LUCE” (Novena di Natale – 18 Dicembre)

A cura di Massimiliano Arena

Una bella sfida quella per Giuseppe, chiamato ad accettare sua moglie e questa sua nuova vicenda oltre la legge ed oltre la paura.

La legge chiedeva a Giuseppe di ripudiare e addirittura uccidere Maria, una legge che ogni ebreo vedeva come impossibile da trasgredire, sarebbe stata una spudorata vergogna sociale.

Le sue paure di uomo, ferito nelle sue certezze, che sicuramente emergevano.

Eppure Giuseppe va oltre, sa andare oltre, riesce a liberarsi della Legge e delle paure e va oltre.

Quante leggi e quante paure ci mettiamo oggi addosso? Quante leggi ci autoinfliggiamo che diventano veri e propri pesi. Sono le nostre fisime, il nostro voler essere per forza in un certo modo, che genera ansie e paure.

Dio ci ha creati liberi e amati, perchè riempirci di fisime, leggi inutili e paure.

Apriamoci oltre le nostre leggi, oltre le nostre paure, alla luce di Dio, alla novità. Usciamo fuori dagli schemi rigidi che ci obblighiamo di avere e sperimentiamo la bellezza della novità, del lasciarci stupire.

Giuseppe ha fatto tutto questo, nel sonno l’angelo gli ha parlato e lui si è fidato. Sentiamo le voci degli angeli, delle tante persone, occasioni che ci invitano a scrollarci di dosso ansie, fisime, paure e lasciamoci riempire di novità.

Sarà un Natale di luce, oltre ogni paura.

Ecco il testo del Vangelo

Mt 1,18-24
 
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
 
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
 
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa «Dio con noi».
 
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: