#09Maggio2021 – “AMORE ALLA PERFEZIONE O OSSESSIONE AL PERFEZIONISMO?” – (6a Domenica di Pasqua/B)

A cura di Massimiliano Arena

Qui il video commento di approfondimento alle letture di questa Domenica. Scusate, l’audio non è dei migliori, sarà migliorato la prossima volta con altra attrezzatura.

QUALI COMANDAMENTI?

Certamente i Dieci Comandamenti che conosciamo. Gesù sta parlando delle famose dieci parole, dieci regole. Ma rilette alla luce del Suo nuovo e grande Comandamento, quello dell’Amore. Difatti dice che per osservare bene questi comandamenti occorre “rimanere nel Suo Amore”. Questo termine rimanere lo abbiamo sentito spesso in tutta la settimana.

I Comandamenti necessitano di essere letti alla luce dell’Amore altrimenti non sono una strada di gioia, quella gioia piena di cui si parla, ma condanna alla frustazione.

OSSESSIONE AL PERFEZIONISMO

I Comandamenti letti come elenco di norme da rispettare, quasi ostentare, rischiano di generare solo morte.

Morte in chi si ostina a rispettarli come se fossero severe regole, obblighi per non essere puniti.

Morte per chi non riuscendo (umanamente normale) a rispettarli tutti si sente giudicato e schiacciato dai giudizi di altri.

Dio non da delle regole per essere frustrati nel rispettarle. Dio non da delle regole perchè con essi diventiamo giudici di altri. Dio non da delle regole perchè le utilizziamo per dividere noi buoni e cattivi, includere o escludere.

L’ossessione del perfezionismo non porterà mai alla perfezione, non renderà mai perfetti, ma renderà sempre più cattivi.

Per la perfezione occorre amare le proprie fragilità e lavorarci con amore sopra

AMORE ALLA PERFEZIONE

I Comandamenti, riletti nel Suo Amore, sono vie, indicazioni, strade su cui lavorare, tutti insieme, cercando di salire la via della perfezione. Amando le proprie fragilità per amare quelle altrui che non sono diverse dalle mie, ed insieme camminare in questo “osservare” che non è osservazione giuridica, ma stare dentro e guardare, camminare in queste vie di verità.

Solo amando la propria fragilità e rileggendola alla luce di queste vie in cui scoprire sempre continua rinascita è possibile aprirsi ad amare la fragilità altrui e donare, attraverso la propria tenerezza, misericordia, anche agli altri vie di perfezionamento.

Chi si sente perfetto da giudicare gli altri non potrà mai donare parole di guarigione.

Solo un ferito guarito può donare guarigione, per portare alla gioia piena.

LA GIOIA PIENA

Questa è la promessa di Dio. Dio promette gioia. Perchè noi uomini ci doniamo solo condanne?

L’obiettivo di Dio è sempre che tutti giungano alla gioia, noi per colpa della nostra invidia, della nostra cattiveria, tendiamo sempre a creare condanne.

UNO SGUARDO ALLA PRIMA LETTURA – ( Atti 10,25-27.34-35.44-48)

“Dio non fa preferenze di persone” . Questa è prima regola pastorale con cui leggere ogni cosa. Diceva Lutero “Dio non ci ama perchè siamo belli e buoni, ma diventiamo belli e buoni perchè Dio ci ama” .

In questa dimensione della gioia, del sostegno reciproco, si cresce come Comunità. La lettura giuridica del chi merita distrugge.

UNO SGUARDO ALLA SECONDA LETTURA – ( 1Gv 4,7-10)

Tutto questo perchè Dio è amore. Se Dio è amore noi personalmente non possiamo che essere amore. Se Dio è Amore le nostre Comunità non possono che essere amore.

Ecco i testi delle letture

VANGELO – Gv 15,9-17

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

PRIMA LETTURA – At 10,25-27.34-35.44-48

Avvenne che, mentre Pietro stava per entrare [nella casa di Cornelio], questi gli andò incontro e si gettò ai suoi piedi per rendergli omaggio. Ma Pietro lo rialzò, dicendo: «Àlzati: anche io sono un uomo!».
Poi prese la parola e disse: «In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga».
Pietro stava ancora dicendo queste cose, quando lo Spirito Santo discese sopra tutti coloro che ascoltavano la Parola. E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro, si stupirono che anche sui pagani si fosse effuso il dono dello Spirito Santo; li sentivano infatti parlare in altre lingue e glorificare Dio.
Allora Pietro disse: «Chi può impedire che siano battezzati nell’acqua questi che hanno ricevuto, come noi, lo Spirito Santo?». E ordinò che fossero battezzati nel nome di Gesù Cristo. Quindi lo pregarono di fermarsi alcuni giorni.

SECONDA LETTURA – 1Gv 4,7-10

Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui.
In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: