#17Giugno2022 – CON CHE OCCHIO VEDI LE COSE? – (Venerdì 11a Tempo Ordinario)

Dalla donazione agli altri, alla preghiera del Padre Nostro che apre alla fraternità, ad una riflessione sul senso della ricchezza.

E’ questo il percorso che abbiamo fatto con i testi del Vangelo di questa settimana.

Gesù parla di non accumulare tesori perchè la ruggine li consuma.

Tutti cerchiamo sicurezza, tutti vorremmo forse dei tesori che fanno sicurezze. Forse anche tutti ci siamo accorti ( o conosciamo storie) che anche con ricchezze accumulate poi si intrecciano ugualmente storie di solitudine, frustrazione, tristezza.

Non è la ricchezza che fa felicità! E’ questo lo ha compreso anche la saggezza popolare.

La ricchezza fa ruggine dice il Vangelo. Che significa?

La ricchezza è fatta di cose che si distruggono, che non sono fatte per essere eterne.

Occorre allora puntare a cose vere, profonde, cercare il tesoro, cercare dove sia il tesoro.

Il caro Teologo Paolo Curtaz ama ripetere che Dio è come se avesse fatto con noi discepoli una caccia al tesoro per farsi trovare.

Bella immagine per spiegare che la vita sia un tesoro da scopire e scoprire dove esso sia, cioè in che angolo della vita e preso in certo modo si nasconda.

La ricchezza, le cose “vane” (divertimento, benessere, svago, sfizi personali), non sono cose negative, occorre solo capire come le vogliamo vedere, con che sguardo.

Abbiamo davanti alla ricchezza/cose vane uno sguardo di “schiavi” che si fanno portare e spostare, che per essa saremmo capaci di fare di tutto, di rovinare anche altro pur di soddisfarla?

Oppure abbiamo uno sguardo da padroni, capaci di vivere le cose ma restando noi testi, a testa alta, padroni delle cose che facciamo, restando fedeli a noi stessi, ai nostri valori, a ciò in cui crediamo.

Spesso alcune volte lo vediamo concretamente quanto in nome di qualche “ricchezza” di cui ci fissiamo (cose, situazioni, relazioni, obiettivi) distruggiamo tutto intorno a noi distruggendo noi stessi.

La domanda sta in questo: con che occhio guardiamo le cose? Da qui vengono le priorità

ECCO IL TESTO

Mt 6,19-23

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.
La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: