ABITARE IL CREATO – Audio e slide dell’incontro del 20/03/2019 a Manfredonia

creato

Di seguito audio e slide dell’incontro tenuto a Manfredonia il 20 Marzo 2019 presso la Sala Vailati nel percorso della Scuola di Formazione Teologica per Operatori Pastorali sul tema ABITARE

Clicca qui per scaricare il pdf delle slide dell’incontro ====> Abitare il CREATO

 

 

Annunci

#17Marzo2019 “SOSTE NECESSARIE PER RIEMPIRSI DI LUCE” (2a Domenica di Quaresima C)

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 9,28b-36.
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare.
E, mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante.
Ed ecco due uomini parlavano con lui: erano Mosè ed Elia,
apparsi nella loro gloria, e parlavano della sua dipartita che avrebbe portato a compimento a Gerusalemme.
Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; tuttavia restarono svegli e videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui.
Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui. Facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli non sapeva quel che diceva.
Mentre parlava così, venne una nube e li avvolse; all’entrare in quella nube, ebbero paura.
E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo».
Appena la voce cessò, Gesù restò solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto.

Continua a leggere

#16Marzo2019 “L’AMORE È UNA COSA SERIA” (Sabato 1a Quaresima)

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,43-48.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico;
ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori,
perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.
Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?
E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. »

Continua a leggere

#7Marzo2019 “PERDERSI NELL’INUTILE” (Giovedì dopo le Ceneri)

“Che giova all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi si perde o rovina se stesso?»”

Siamo sempre affannati, sempre di corsa, sempre smembrati in cose da fare, preparare, in realtà in cui apparire sempre al top. Ma non è che in tutte queste realtà ci dimentichiamo di noi stessi? A cosa ci servirebbe?

Nessuna di queste cose che facciamo é malvagia e va eliminata, ma dobbiamo chiederci come facciamo le cose. Sono luoghi che ci svuotano, oppure luoghi in cui abbiamo occasione di dimostrare quanto valiamo?

E cosa vale veramente? La capacità di amare che ci rende diversi da tutto.

Ecco lo stile di Gesù, lo stile della Croce, un amore oltre misura.

Ciascuno prenda il pezzo di questa misura, di questo amore oltre misura, di questa croce.

Accordiamo il cuore a questo stile di Amore

Ecco il testo del Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 9,22-25.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo, disse, deve soffrire molto, essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, esser messo a morte e risorgere il terzo giorno».
Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.
Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà.»
Che giova all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi si perde o rovina se stesso?»

#03Marzo2019 “AMARE I LIMITI” (8a #TempoOrdinario C)

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 6,39-45.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutt’e due in una buca?
Il discepolo non è da più del maestro; ma ognuno ben preparato sarà come il suo maestro.
Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo?
Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».
Non c’è albero buono che faccia frutti cattivi, né albero cattivo che faccia frutti buoni.
Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva da un rovo.
L’uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore.

Continua a leggere