#24Giugno2021 – UNICA E IRRIPETIBILE LA VITA IN DIO – (Natività di Giovanni Battista)

A cura di Massimiliano Arena

Desta sempre stupore questo testo di Zaccaria ed Elisabetta che si trovano a dare il nome al proprio figlio prodigio

Zaccaria aveva ricevuto nella Sancta Sanctorum, nel luogo più sacro degli Ebrei, la visione di Dio che gli annunciava la nascita del suo Figlio Giovanni.

Un nome, una storia nuova, un prodigio inaudito per chi come Elisabetta e Zaccaria erano non più adatti a generare, sterili.

Quindi alla nascita Zaccaria doveva riconoscere questo dono, dargli il nome. La voce di Zaccaria si era bloccata, non poteva più dare voce ai suoi pensieri fino a quando non riconosce i doni di Dio e li chiama per nome.

Elisabetta e Zaccaria si fidano di Dio.

Una fiducia che significa rileggere la propria vita alla luce della Parola anche dove tutto appare scontato, perduto, sterile ed inutile.

Una fiducia che in questa rilettura ti dà il coraggio di effettuare cambiamenti, scoprire cose nuove da affrontare lì dove non avresti pensato e poi dargli un nome perché non passino senza lasciare seme.

Ecco il testo del Vangelo

Lc 1,57-66.80

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.

Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».

Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.

Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.

Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: