#22Agosto2020 “AMA PRETENDENDO CIÒ CHE SEI DISPOSTO A DARE”

Gesù spesso dibatte con scribi e farisei dei quali condanna non la cattiveria, ma l’incapacità della libertà di amore, di essere capaci di amare per l’amore in sé, e non legati ad una legge che gli fa schiavi spesso fino a far perdere di vista il senso vero delle cose.

Scribi e farisei possiamo diventarlo tutti nei nostri ruoli di innamorati, amici, figli, genitori, lavoratori, studenti, nel nostro ruolo nella Chiesa e nella società.

Possiamo diventarlo tutti quando in nome di nostre idee, spesso testarde, spesso più definibili fisime, che per noi diventano vere e proprie leggi, amiamo gli altri intorno a noi ma stando su un piedistallo, sempre con la consapevolezza di essere noi i migliori che devono far capire agli altri cosa fare. Cristo ci chiede di amare donando agli altri ciò che vorremmo che gli altri donassero a noi, pretendere dagli altri ciò che stessi siamo capaci di dare per primi, amare i limiti altrui come vogliamo che venissero amati i nostri. Il perfezionismo è un peso enorme sul cuore dei fratelli.

Ecco il testo del Vangelo

Mt 23,1-12
In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.
Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...